questione di perdite (l’invidia è una brutta roba)

io stavo solo sfogliando il giornale in cerca di foto carine da attaccare al muro.

non pensavo di imbattermi in qualcosa di molto più importante, l’invenzione del secolo denigrata da una società troppo snob per accorgersi che una modesta ditta ha trovato la soluzione a tutti i problemi dell’uomo.

una ditta che ha finalmente spianato la via ad una biunivoca parità dei sessi, ciò che fin’ora era solo utopia, ciò che tutte le donne avrebbero voluto far provare agli uomini e ciò che tutti gli uomini hanno sempre voluto per avere un argomento di conversazione come ce l’hanno le donne.

[tena for men]la protezione specifica per le piccole perdite urinarie maschili.

fermi.
stiamo calmi, prendiamo una pausa.
ragioniamo.

sto tentando con veemenza di immaginare con cosa un uomo possa riempirlo.
e una grottesca immagine si impone violentemente nella mia testa.

anche tenendo conto del losco e poco rassicurante figuro che troneggia in alto a destra della pagina o addirittura qui.
col suo panciotto ciccione, col suo gilet che era vintage già ai tempi di carlo cudega, con il suo casco da metallaro, con i suoi guantoni da film anni ’70 e la sua moto rombante da stursky e hutch.
in netto contrasto con gli occhialoni fashion di D&G.

insomma, verrebbe da chiedersi dove l’hanno pescato.
forse nello stesso fiume dove hanno trovato questa grossolana puttanata.

ancor meno rassicuranti sono le citazioni estratte dall’ardita pubblicità.

"piccolo e sottile, risulta quasi invisibile sotto i vestiti."

quasi, eh.
quindi, anche solo minimamente, si vede attraverso i jeans.
lascio alla vostra fervida immaginazione quanto sia comodo.

"i polimeri gelificanti al suo interno limitano la formazione di cattivi odori."

polimeri gelificanti.
quella con cui non ti fanno pisciare addosso non è tecnologia, gente:
è terrorismo psicologico.
se pisci, ti si gela l’uccello.

già so che sarà un successo, me lo sento.
tra qualche mese, tutti gli uomini del mondo si ritroveranno nei cessi per cambiarsi l’assorbente.

ammettiamolo: è solo una trovata perchè eravamo invidiosi delle donne.
ora anche noi potremo dire "ma tu usi quello con o senza ali?"



donne, tra qualche anno aspettatevi un condom vaginale
.
arriverò anche quello.

Annunci

7 commenti to “questione di perdite (l’invidia è una brutta roba)”

  1. AIUTO XDDDDD

    Scusate come si metterebbe il Condom Vaginale? Ho serie difficoltà ad immaginarmelo.

    Tena for Men, aspetto solo lo spot in TìVù BUHAUHAUHA XD

    *Kenna non Loggata*

  2. L’ultima frontiera dedita alla parità dei sessi, decisamente.

    Incredibilmente grottesco.
    Chissà se da fastidio. Ste… te ne regalo una confezione per il tuo compleanno e poi mi fai sapere, ah?

    Lau

  3. Kenna, non ne ho idea, ma mi sto chiedendo anche come si metta questa roba qua. Dove, soprattutto.

    Lau, non ti disturbare. Al massimo ci risentiamo quando fanno gli assorbenti interni da uomo. Questo sarebbe grottesco.

  4. Oh Signur……………………..
    Cate

  5. MHAUAHUAHAUAHAUA

    No scusate, ma non acciacca? MHAUAHAU

    Provalo un pò e fammi sapere eh xD Ci conto. xD

  6. Gin, tremo solo ad immaginare Siffredi che si slaccia l’accapatoio di satin rosso e rimane con un assorbente indosso. Sì, acciacca: posso confermarlo senza provare XD

  7. vorrei portare un tocco mio alle vostre perverse immaginazioni…

    in america il condom femminile esiste eccome…

    ed é anke usato…

    é di plastika con una specie di cosa arrotolata…

    brrrr ribrezzo…
    ela

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: