quanto sei disposto a pagare per non avere niente?

quando c’è da ammettere un fatto oggettivo, va fatto.
i tokio hotel stanno facendo un gran successo.

ma anche uomini e donne riscuoteva successo.

lo dimostrano i manipoli assoldati di donzelle dalle corde vocali geneticamente modificate per adempiere alla pratica dell’urlo kaulitzianodelle sorte di banshee assatanate e, soprattutto, invidiose per quei capelli.

che per quanto ne sappiamo potrebbero anche essere un grizzley impagliato, o un corallo, o degli effluvi vulcanici.
nessuno lo sa.

come nessuno sa in quale mercato nero per transgender quello stesso individuo si procuri questi occhiali – che a mio parere dovrebbero portare un’etichetta tipo pacchetti di sigarette.

questi occhiali uccidono
ogni residuo di buongusto.

il ritmo incalzante delle canzoni, gli importanti temi affrontati – come il suo gemello che
s’inchiappetta una groupie
nella zimmer 483.
chissà se c’era anche lui, a guardare e prendere appunti.

ad ogni modo, oggi è stata una giornata raccapricciante per il mondo virtuale italiano: i tokio hotel, per amor di nome o forse solo per rivalità eufonica, si sono presentati su habbo hotel.

così, giusto per farsi un po’ di pubblicità: col loro look aberrante, con le loro faccine indisponenti.
e l’hotel è stato assediato da centinaia di…
cosi.
umanoidi deformi tipo omini del lego, ma molto più inquietanti.

e insomma,
questo ha quasi fatto più notizia della morte del povero pavarotti – impossibile non trovare un collegamento tra i due luttuosi avvenimenti.

ma non finisce quì:
proprio oggi è comparsa su ebay una nuova, inquietante pagina tutta dedicata a quei quattro moschettoni.

un’escalation di vaccate assolutamente degna di un celere commento, perchè – insomma
date un’occhiata.

più di cento offerte.
fin’ora 900 euro.
e tutto questo.
per.

una chitarra scassata.

certo, la chitarra scassata di tom kaulitz, ma potevano anche venderla buona.

mi viene voglia di andare a comprarmi una bompiani, prenderla a randellate e venderla su ebay come la prima tastiera di tuomas holopainen.

per la stessa serie:
quanto sei disposto a pagare
per non avere niente?

una sola cosa mi consola: i finley
non avranno mai lo stesso successo.

l’italia non può permettersi anche questo
.

Annunci

5 commenti to “quanto sei disposto a pagare per non avere niente?”

  1. Leo, non si chiama Tom Kaulitz, ma Tom Kazzoviz è_é

  2. Il prezzo è salitooooo ahahah xD
    Con qui soldi potrei comprarmi due spogliarelisti da mettere sulla scrivania della mia camera, così ho qualcosa da fare quando mi annoio u.u

  3. Prima o poi morirò, non c’è che dire.

    Ghsd

  4. Kenna non loggata non distruggerebbe mai una chitarra elettrica. Inchia.

  5. ritratto di un secchione allo sbaraglio, atto III[..] lo so che non sono cose da dire, lo so che non devo tirarmele addosso, ma tant’è: domani si ricomincia. ricomincia la quotidiana processione a quel luogo etereo, frequentato da individui d’ogni genere. in un pentolone di amici, , idee, ide [..]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: